I Fantastici 5, un PD senza storie da raccontare

Il PD e la comunicazione hanno sempre avuto un rapporto difficile e tormentato. Non stiamo qui a rivangare gli ultimi 6 anni (quelli effettivi di vita del partito) e tutti i fallimenti. Dobbiamo guardare avanti. Forward, come dice il buon Obama.

Ebbene “avanti” i ragazzi del PD non ci sanno proprio andare, a quanto sembra. Veniamo subito al “fattaccio brutto”. Gira da qualche ora sui principali social network l’immagine che vedete qui sopra, una spiritosa parodia dei Fantastici 4. Guardiamoli bene: la Puppato è la donna invisibile (paragone ottimale data la sua assenza dai media) Vendola fa la parte di Mister fantastic (l’uomo elastico che si infila ovunque, anche dove non c’entra nulla). Il motto de La Cosa-Bersani è “è tempo di distruzione” (altro che rottamatore…). Renzi s’infiamma facilmente. Tabacci è un alieno che surfa su una non bene identificata superficie (che poi è la metafora dell’Udc).
Facili provocazioni a parte (vedi anche: sparare sulla Croce Rossa), quello che abbiamo da chiederci è: qui, i “ragassi” del PD, che storia ci raccontano? Perché proprio i Fantastici 4? 

 In primo luogo, assoluta casualità della scelta di quei personaggi. Una casualità data dal numero 4 riadattato a 5 con il Silver Surfer Tabacci (infiltrato da un altro pianeta) e dal fatto che sono “fantastici”. Questa assoluta mancanza di conoscenza, non dico della psicologia di ognuno di quei personaggi (pilastri della cultura pop), ma quantomeno della storia principale di questi eroi dimostra quanto poco ritengono strumentale e strategica la comunicazione. La sviliscono e la confondono con la semplice pubblicità appoggiandosi al detto “purché se ne parli”. Ma è ancora valido? Persino le pubblicità non “reclamizzano” semplicemente il prodotto, ma tendono sempre più a “raccontare” il prodotto. Rasentando il ridicolo, talvolta (se ricordate che cosa tirava fuori Jeremy Irons per far vendere una macchina).

E qui, che storia ci racconta? È brutto dirlo, ma non c’è nessuna storia. Solo un cartonato bidimensionale, anzi nemmeno. C’è soltanto un cartonato virtuale che campeggia fiero sul sito del PD. E intanto Renzi ha già preso le distanze dichiarando sulla sua pagina ufficiale Facebook:

Io vorrei capire chi ha desiderio di trasformare un dibattito serio nel futuro dell’Italia in una pagliacciata come hanno fatto i gestori del sito del PD con l’immagine dei fantastici cinque. Dovremmo parlare agli italiani, non farci ridere dietro. Spero solo che per quel sito non si spendano soldi pubblici…

Epic Fail.
P.S. – Gli F4 sono diventati gli F5, insomma. F5, proprio come sulla tastiera dei pc. Sarà un caso o vogliono davvero “aggiornare”?

2 risposte a “I Fantastici 5, un PD senza storie da raccontare

  1. Pingback: Mica tanto seria, alla fin fine | LA COMUNICAZIONE E' UNA COSA SERIA·

  2. Che dire, tanta pena per i gestori della comunicazione PD, e un minimo di speranza politica dopo il confronto di ieri. Anche se, a dire il vero, li ho trovati parecchio morbidi tra di loro, quasi nessun colpo basso… Gli sceneggiatori di “Boris” rimarrebbero su F4: basito!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...